closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Atene lasciata sola, profughi in fuga

Grecia. Oltre 20 mila persone restano bloccate nel territorio ellenico mentre proseguono gli sbarchi. In molti si mettono in marcia verso il confine della Macedonia che però resta chiuso. Dalla Ue solo inutili appelli agli Stati. Tsipras abbandonato a gestire la crisi umanitaria dei rifugiati. Scontro con Vienna dopo la chiusura dellle frontiere. Respinto il ministro dell’interno

Rifugiati e migranti in marcia da Atene al confine macedone

Rifugiati e migranti in marcia da Atene al confine macedone

Più di ventimila profughi sono bloccati in Grecia, a causa della parziale chiusura delle frontiere decisa dalle autorità dell’ex Repubblica Jugoslava di Macedonia. Nella sola regione dell’Attica, ieri, il numero di profughi superava i settemilacinquecento. Nell’isola di Lesbo, ieri sono sbarcati settecento persone, salvate da navi della guardia costiera greca e di Frontex, mentre nel Dodecanneso vengono momentaneamente ospitati altri 482 «disperati del mare». Si tratta di numeri destinati a crescere nel corso dei prossimi giorni, a causa della forte instabilità creatasi per la mancanza di solidarietà europea. In Grecia si spera in un possibile cambio di rotta, e si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.