closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Cento dispersi nel naufragio»

Mediterraneo. Decine di uomini e donne sarebbero stati richiusi nella stiva del peschereccio affondato mercoledì nel Canale di Sicilia. Ieri altri 30 morti. 4.000 i migranti soccorsi

Naufraghi  alla ricerca di aiuto mercoledì nel Canale di Sicilia

Naufraghi alla ricerca di aiuto mercoledì nel Canale di Sicilia

Potrebbero essere almeno cento, e non solo cinque, i morti del naufragio avvenuto mercoledì a venti miglia dalla coste libiche. A parlare di un numero così alto di dispersi sono stati alcuni dei 562 migranti tratti in salvo dalla navi della Marina militare e sbarcati ieri a Porto Empedocle e che ai soccorritori che li hanno accolti hanno raccontato di altre decine di persone stipate nella stiva del peschereccio di 13 metri sul quale stavano viaggiando. Nonostante gli sforzi compiuti dagli equipaggi della Marina militare, l’ennesima strage di migranti potrebbe essersi consumata ancora una vota nel Mediterraneo. E non è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.