closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Corpi sotto stretta disciplina

Focus Foxconn. La fabbrica cinese di elettronica rifornisce le maggiori multinazionali del settore, dall'America al Giappone, scippando del tutto la vita ai suoi lavoratori

Foxconn, azienda controllata dal conglomerato multinazionale cinese-taiwanese Hon Hai che suscitò scalpore alcuni anni fa per la serie di suicidi (18 tentati suicidi, 14 morti nel 2010) verificatisi nella sua sede di Shenzhen, è famosa per il suo ruolo di snodo chiave nella manifattura in subappalto di prodotti elettronici di alta gamma. Il suo committente più celebre è la Apple, ma vi si rivolgono tutte le maggiori multinazionali dell’elettronica americane, sudcoreane e giapponesi. Per mesi, la «fabbrica-lager» fu al centro di un dibattito internazionale sul dilagare di condizioni di lavoro che violavano i diritti umani degli operai nei paesi in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi