closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cresce in Israele il sostegno al soldato-killer

Hebron. Si moltiplicano gli appelli a sostegno del militare che giovedì scorso aveva ucciso a sangue freddo un palestinese che aveva ferito un israeliano a Tel Rumeida. E' un "eroe" per gran parte dell'opinione pubblica. Critiche a Netanyahu e all'Esercito che hanno approvato il suo arresto.

L'annuncio del raduno ieri a Beit Shemesh (Gerusalemme) a sostegno del soldato arrestato dopo aver ucciso un palestinese

L'annuncio del raduno ieri a Beit Shemesh (Gerusalemme) a sostegno del soldato arrestato dopo aver ucciso un palestinese

«Riuniamoci tutti alle 18 all'incrocio grande, statale 38, per affermare che il nostro soldato è un eroe».Questo annuncio apparso nella cittadina di Beit Shemesh, alle porte di Gerusalemme, è solo uno dei tanti apparsi in questi ultimi giorni a sostegno del militare israeliano che giovedì scorso ha ucciso a sangue freddo un palestinese ferito e immobile sull'asfalto, Abdel Fattah al Sharif, 21 anni, responsabile dell'accoltellamento (senza gravi conseguenze) di un soldato a Tel Rumeida, ad Hebron. La vicenda, emersa grazie al filmato girato da un attivista palestinese del centro per i diritti umani B'Tselem, mostra una società schierata in maggioranza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.