closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

De Oliveira, nel teatro libero delle passioni

Maestri. Un’idea di cinema senza regole dove tutto è possibile

una scena da Quinto imperio

una scena da Quinto imperio

E chi si sarà mai azzardato a scrivere un «coccodrillo» su Manoel de Oliveira? E a quale età avranno cominciato a pensare di scriverne uno? Ottant’anni? Novanta? Alla fine, data la scorza di questo signore portoghese nato a Oporto («fossile di Oporto», così lo chiamava João Cesar Monteiro), c’era il rischio che lo scriba potesse passare a miglior vita prima di lui. Credo che nessuno, per scaramanzia, abbia mai osato scriverne uno. Mi è capitato di incontrare Manoel De Oliveira nel novembre del 2008, a Bologna, all’interno di un festival intitolato Le parole dello schermo. A Rimini, in quei giorni,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.