closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Elie Wiesel, il vitale custode della Shoah

Ricordi. La morte del Nobel della pace. Ha difeso la memoria dell’Olocausto e preso più volte parola contro i massacri della contemporaneità

GEORGE SEGAL,

GEORGE SEGAL, "HOLOCAUST MEMORIAL", SAN FRANCISCO;

«Se durante l’Olocausto il presidente degli Stati Uniti e i suoi consiglieri avessero mostrato la sensibilità e l’attenzione di cui danno prova adesso i loro successori, se fosse stata creata a quei tempi una commissione presidenziale, quante vittime ebree e non ebree sarebbero state salvate? Gli ebrei sono stati dimenticati mentre ancora erano vivi: adesso sono morti. Conserviamoli nel nostro ricordo, accogliamo la loro memoria nella nostra». Era il gennaio del 1979 quando Elie Wiesel pronunciò alla Casa Bianca il discorso inaugurale della Commissione voluta dall’allora presidente Jimmy Carter che avrebbe portato, molti anni più tardi, alla nascita del Museo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.