closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Francesco assolve l’aborto: l’amore è superiore alla legge

Finito il Giubileo della misericordia. Tutti i preti cattolici potranno concedere l’assoluzione a donne, medici e infermieri per quello che resta comunque «peccato grave». Cambierà il diritto canonico. «Non esiste alcun peccato che la misericordia di Dio non possa raggiungere e distruggere quando trova un cuore pentito»

papa Francesco

papa Francesco

Il Giubileo della misericordia, concluso ufficialmente domenica scorsa con la chiusura della «porta santa» della basilica di san Pietro – verrà riaperta in occasione del Giubileo ordinario del 2025 –, termina con una lettera apostolica di papa Francesco (Misericordia et misera) che modifica in maniera sostanziale la rigidità della prassi pastorale della Chiesa romana in materia di aborto. D’ora in poi, infatti – è scritto nel paragrafo 12 del documento firmato dal pontefice il giorno 20 ma reso noto solo ieri –, «tutti i sacerdoti, in forza del loro ministero», avranno «la facoltà di assolvere quanti hanno procurato peccato di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi