closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Francia: stato d’emergenza e strappo nello ius soli

Riforma costituzionale . Hollande lacera la sinistra. Front de Gauche, verdi e parte del Ps indignati per la proposta di privazione della nazionalità per i bi-nazionali condannati per terrorismo nati francesi. "E' una vittoria ideologica del Fronte nazionale". La ministra Taubira in difficoltà

François Hollande all'Eliseo

François Hollande all'Eliseo

Una lacerazione nella sinistra e nei suoi valori. E, peggio ancora, uno strappo nella Carta dei diritti fondamentali, con una rimessa in causa dello jus soli a livello costituzionale. Ieri, è stata presentata in Consiglio dei ministri la riforma della Costituzione, che sarà sottoposta al voto dell’Assemblea dal 3 febbraio prossimo e in seguito passerà al vaglio del Senato. La riforma contiene due proposte dirompenti, decise sull’onda dell’emozione e della paura create dagli attentati del 13 novembre: l’introduzione dello stato d’emergenza nella Costituzione e l’estensione della possibilità di ritirare la nazionalità francese a tutti i cittadini con un doppio passaporto,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi