closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Gente di Idomeni

Il fronte greco-macedone. Tra i 14 mila rifugiati intrappolati nel fango alle porte d’Europa. E tra chi li sorveglia, che non è meno prigioniero di loro

La ferrovia che taglia il campo di Idomeni

La ferrovia che taglia il campo di Idomeni

Chi è la gente di Idomeni? Non basta dire afghani, pakistani, siriani e iracheni. La gente di Idomeni è Jalil, un giovane con vecchie scarpe da trekking che cammina nel fango contro pioggia e freddo. Si lascia alle spalle bombe che piovono dal cielo, mine che esplodono sotto i piedi, proiettili che rompono il silenzio dell'aria. È Afshan, con i piccoli Sitarah, Tanaz e Jamshid al seguito, che cerca disperatamente una coperta. È Burhan un bambino di poco più di cinque anni che beve dalle pozzanghere che ancora non diventano marroni. Vicino a quell'acqua le mosche rabbiose lo invadono. La...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi