closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Giovanni Cesareo, un “nobile” della sinistra

Addii. La scomparsa dell'intellettuale studioso della comunicazione. Dalla redazione de "L'Unità" agli "anni delle riviste", durante i quali partecipò all'esperienza di "Sapere"

Ieri mattina è morto Giovanni Cesareo. Apparteneva a quella generazione che ci ha educati restando al nostro fianco, partecipando alle nostre stesse sfide, pur avendo alle spalle già l’esperienza che noi non abbiamo avuto. Quella dei giovani cresciuti sotto il fascismo che hanno trovato da soli la strada per la militanza comunista ed hanno saputo poi, alla soglia degli Anni Settanta, staccarsi da quel partito e da quella cultura per vivere l’innovazione politica e sociale che il Sessantotto ha portato con sé. Gli abbiamo invidiato i suoi anni trascorsi nella splendida Roma del dopoguerra, cronista de «L’Unità», critico televisivo e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.