closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Giulio Regeni, vogliamo la «verità di scomodo»

Senza verità. C’è poi la verità che da 365 giorni in tantissimi, e non solo in Italia e in Egitto, chiedono: la «verità di scomodo». Quella che contenga i nomi di chi ha ordinato la tortura e l’uccisione di Giulio, di chi ne è stato materialmente esecutore, di chi ha coperto, di chi ha depistato. Fino a quando quella verità non verrà fuori, i rapporti tra Egitto e Italia dovrebbero restare «anormali»

Oggi, mercoledì 25 saranno trascorsi 365 giorni, un anno esatto, dalla scomparsa di Giulio Regeni al Cairo. «Scomparsa» è un termine che rende male e poco ciò che è accaduto a Giulio, indica una causalità, una circostanza naturale, un imprevisto. Usiamo allora un termine che appartiene alla storia delle violazioni del genere, trasportandolo dalla seconda metà dello scorso secolo al secondo decennio di questo: la «desaparición», la sparizione forzata di Giulio Regeni. Nell’aggettivo «forzata» c’è la verità storica sulla fine di Giulio. Che è stato arrestato, trattenuto in detenzione, torturato e infine ucciso. Su ordine di chi, da parte di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.