closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gli Usa inaugurano la guerra in Libia

Libia. Il governo di unità nazionale chiede a Washington di colpire l'Isis a Sirte. Si apre un nuovo pericoloso fronte di conflitto, con milizie e popolazione contrari a ingerenze esterne. E si ripresenta la divisione neocoloniale del paese

I raid Usa di ieri hanno colpito la città libica di Sirte

I raid Usa di ieri hanno colpito la città libica di Sirte

E bombe siano. Con una mossa a sorpresa ieri il presidente Obama ha autorizzato i primi raid aerei sul territorio libico dopo mesi di tensione bellica. Se pochi mesi fa l’intervento occidentale pareva questione di settimane, con Roma, Parigi e Londra sul piede di guerra, l’insediamento del tanto atteso governo di unità nazionale aveva smorzato gli animi: il premier al-Sarraj, entrato con non poche difficoltà a Tripoli a maggio, aveva escluso un’operazione occidentale. Ieri la svolta: è stato proprio al-Sarraj ad aver richiesto agli Stati Uniti di bombardare le postazioni dello Stato Islamico a Sirte, roccaforte jihadista da giugno 2015...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.