closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

«Ha vinto la Germania, così chiunque potrà lasciare l’Euro»

Intervista a Marcello Minenna (Bocconi). Per il professore che "insegna" finanza a Landini il Quantitative easing di Draghi favorisce Berlino: "Ogni paese si prende il rischio e non si mutualizza niente: così fra poco uscire dalla moneta unica non produrrà danni ai tedeschi"

«Ha vinto la Germania. Fra un anno e mezzo non sarà più un problema la rottura dell'Euro. Utilizzando una iperbole, potrebbe perfino succedere che sia la stessa Germania, avendo drenato tutte le risorse degli stati di confine, a lasciare la moneta unica». Il professor Marcello Minenna, docente di Finanza matematica alla Bocconi, usata parecchie perifrasi, ma ha il pregio di farsi capire benissimo. Tanto da essere riuscito nell’impresa di introdurre perfino Maurizio Landini ai segreti dei mercati. Professore, i mille miliardi di Quantitative easing sono una cifra superiore alle attese. Però in caso di perdite, il costo sarà coperto all'80...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.