closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Il paese che ci vuole

Territori. Un’altra Italia, interna e provvisoria come quella appena ferita dal sisma, al centro del festival animato dal poeta della paesologia Franco Arminio. «La luna e i calanchi», viaggio «politico» negli avvolgenti paesaggi lucani di Aliano, dove la ricostruzione è anche quella delle parole

Aliano e i suoi calanchi

Aliano e i suoi calanchi

Fare cinquecento chilometri per attraversare l’Abruzzo, tagliare la Puglia in direzione Potenza, e perderci negli avvolgenti paesaggi lucani verso Aliano per me e il poeta Adelelmo Ruggieri è stato un gesto politico. Arrivare in un paese di poche anime e tra queste terre dove le strade si perdono dentro i calanchi chiari e argillosi, strade che incrociano altre strade, fin quando dal basso delle lingue di asfalto non sali seguendo l’indicazione perché le case, i borghi, le piccole piazze sono in alto, bisogna conquistarli, espugnarli curva dopo curva. Confinato qui dal fascismo Carlo Levi vedeva il paese «bianco vicino ad...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi