closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

In deflazione dopo 57 anni: inutili gli 80 euro di Renzi

Vita materiale . Non sono bastati gli 80 euro di Renzi e l’alluvione monetaria della Bce di Draghi con il quantitative easing: per l’Istat nel 2016 l’Italia è rimasta in deflazione. E' la prima volta che succede da oltre mezzo secolo. Nel 1959 la flessione dei prezzi al consumo fu dello 0,4%. Oggi è dello 0,1%. La crisi si avvita: cala la domanda interna, le imprese non assumono e possono licenziare, i consumatori non spendono e usano i bonus di Renzi per saldare i debiti. O per metterli in banca. Questo è l'esito dei 22 miliardi pubblici erogati in due anni da Renzi quando era al governo

Non sono bastati gli 80 euro di Renzi e l’alluvione monetaria della Bce di Draghi con il quantitative easing: per l’Istat nel 2016 l’Italia è rimasta in deflazione. è la prima volta che succede da oltre mezzo secolo. Nel 1959 la flessione dei prezzi al consumo fu dello 0,4%. Oggi dello 0,1%. Può avere influito l’accordo tra i paesi Opec a inizio dicembre sulla riduzione dell’estrazione del petrolio con l’obiettivo di aumentarne le quotazioni. Il greggio è tornato sopra quota 50 dollari e ad affossare l’indice generale è stata proprio la componente energetica. A questo è dovuto la fiammata inflazionistica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.