closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Italicum addio: il premier ci pensa

Legge elettorale. Agli ufficiali del Pd aveva annunciato di volerlo modificare nel 2017. Possibile retromarcia anche prima. Alla camera la mozione di Si sui profili di incostituzionalità del testo. Il dem Rosato: ma non per cambiarlo

Addio all’Italicum, almeno nelle forme attuali, quelle con le quali è stato approvato dal Parlamento? Ci sono elementi per sospettare che possa andare così. La conferenza dei capigruppo di Montecitorio ha calendarizzato a sorpresa per settembre il dibattito sulla mozione di Sinistra italiana che chiede di anticipare la sentenza della Consulta, fissata per il 4 ottobre, sugli aspetti della legge a rischio di incostituzionalità: l’abnormità del premio di maggioranza e la limitata possibilità per gli elettori di scegliere i propri rappresentanti. Sono precisamente i limiti, segnala Si, che avevano portato la Corte a bocciare il Porcellum. Nel voto del Pd...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi