closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Jobs Act, la riforma funziona solo quando lo decide Renzi

Occupazione. Istat: nel secondo trimestre 2016 (aprile-giugno) l’occupazione è aumentata di 189 mila unità. Ma in una precedente rilevazione di luglio era stata già registrata una diminuzione. Aumentano i contratti a termine mentre, al netto delle trasformazioni contrattuali, cala il numero dei nuovi lavoratori a tempo indeterminato. Ignorando gli altri dati del ministero del Lavoro e, in precendenza dell’Inps, il governo si mobilita per celebrare un successo. Sulla riforma del lavoro continua il grande imbroglio dei numeri. L'opacità dei dati sull'occupazione è un'emergenza democratica

Dopo avere taciuto sui dati negativi dell'occupazione comunicati a luglio dal'Istat (-11 mila assunzioni rispetto a giugno) e qualche giorno fa dal ministero del lavoro, il premier Matteo Renzi ieri ha scritto in un tweet trionfante: «Dati ufficiali Istat di oggi. Nel II trimestre 2016 più 189mila posti di lavoro. Da inizio nostro governo: più 585mila. Il #JobsAct funziona». E, dopo essere stato smentito dal proprio ministero venerdì scorso, secondo il quale i licenziamenti nel secondo trimestre 2016 sono aumentati, anche il ministro del Lavoro Poletti ha ritrovato la parola: «Il Jobs Act funziona, si conferma il trend di crescita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.