closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La crociata di Renzi contro il reddito di cittadinanza

Diritti. Renzi: «il reddito di cittadinanza è un messaggio devastante». Meglio infatti licenziare, demansionare e controllare a distanza i lavoratori con il Jobs act - una riforma attenta ai diritti, com'è noto. Contraddizioni devastanti del lavorismo 2.0

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi

Alla direzione Pd Renzi ieri ha ribadito che «il reddito di cittadinanza è un messaggio devastante». Perché infatti i voucher, il controllo a distanza dei lavoratori, il demansionamento, il licenziamento senza giusta causa - il Jobs Act - oggi sono una speranza per chi non ha un lavoro, è in cassa integrazione, è costretto a cedere al ricatto di un salario da schiavo pur di lavorare. Il costo di questo reddito per la tutela sociale della persona potrebbe essere inferiore agli sgravi contributivi alle imprese erogati in maniera «acondizionale», non legati alla produzione di nuovi posti di lavoro(11,8 miliardi). Sommati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.