closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La Grecia sulla graticola, tutto rimandato al 24 maggio

Crisi del debito. L'Eurogruppo gioca sul tempo, per mettere Atene con le spalle al muro. I "compiti" non bastano mai, anche se la Commissione è più morbida. Gli interessi dei creditori sempre al primo posto

Alexis Tsipras

Alexis Tsipras

Nel giorno della Festa dell’Europa (9 maggio), la Grecia è stata di nuovo cucinata al fuoco lento dell’Eurogruppo, che non demorde dalla strategia di asfissia finanziaria di Atene, mantenendo l’obiettivo di un eccedente primario di bilancio (cioè escluso il servizio del debito) da quest’anno, per arrivare a un assurdo +3,5% dal 2018. Il presidente dell’Eurogruppo, il falco Dijsselbloem, ha preso tempo: ora punta a un accordo con Atene per il 24 maggio. La saga greca ricomincia, come un anno fa, mentre il tempo stringe e i rimandi giocano a sfavore di Atene. Dopo il voto di domenica e l’adozione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.