closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ritorno tragico tra le macerie di Gaza

Striscia di Gaza. Ieri la tregua di 12 ore ha spinto gli sfollati a tornare a casa. Per tanti di loro però non c'è più una casa. I bombardamenti israeliani hanno ridotto in macerie larghe parti di Beit Hanun, Shujayea, Khuzaa e altre località ad est di Gaza. Recuperati decine di cadaveri rimasti per giorni sotto le abitazioni distrutte. Sono oltre mille i palestinesi uccisi, salito a 40 il bilancio dei soldati morti in combattimento

Ritorno a casa tra le macerie, Beit Hanoun, Gaza

Ritorno a casa tra le macerie, Beit Hanoun, Gaza

Dovevano essere le ore più dolci, dopo giorni e notti di raid aerei, tiri di artiglieria e cannoneggiamenti dal mare. Sono state invece le ore più amare. La tregua temporanea, ieri dalle 8 alle 20, concessa dal governo Netanyahu (e poi prolungata fino a mezzanotte) allo scopo evidente di tamponare l’impatto internazionale del secco rifiuto di Israele della proposta di cessate il fuoco formulata dal segretario di stato John Kerry, ha rivelato le proporzioni dell’attacco devastante che dall’8 luglio sta subendo la popolazione civile di Gaza. Migliaia di persone, approfittando della tregua, nel caos di taxi collettivi stracolmi e carretti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.