closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Loi Travail: non finisce qui

Movimenti. La repressione della polizia e le minacce di Hollande e Valls di proibire i cortei non fermano il movimento contro la riforma del lavoro «El Khomri»: giovedì 23 e martedì 28 giugno si torna a manifestare in Francia. Il racconto della «convergenza delle lotte»: ecco come studenti, sindacati, cittadini si sono dati il cambio nei quattro mesi di conflitto totale contro i socialisti. Una generazione militante è uscita dal torpore. Un’altra ha iniziato a vivere

Parigi 14 giugno

Parigi 14 giugno

Una lotta non è un torneo amatoriale che si conclude con la placida soddisfazione di aver partecipato. Ancora meno nel caso della mobilitazione contro la riforma del mercato del lavoro, la «Loi el Khomri»: giovedì 23 e martedì 28 giugno si torna a manifestare in Francia. Nonostante la repressione del governo socialista, le granate della polizia, i 1500 lacrimogeni lanciati a Parigi il 14 giugno. Centinaia di feriti da percosse ed esplosioni: la stima è dei volontari «Streetmedics», le unità mobili addette al primo soccorso dei manifestanti in piazza. Uno dei feriti è molto grave con la nuca bucata. L'incontro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi