closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’orizzonte è un dato incerto

REINHART KOSELLECK. Un ritratto del filosofo tedesco a dieci anni dalla morte. Costruì una critica della modernità, partendo dalla scommessa su un nuovo «tempo storico» e indagando il rapporto tra esperienza e aspettativa

Donato Piccolo, Mal di Testa

Donato Piccolo, Mal di Testa

Dieci anni fa, il 3 febbraio 2006, moriva Reinhart Koselleck, «lo storico che pensava», come lo definì Christian Meier. Con il suo contributo ha significativamente innovato il campo della ricerca storiografica e svecchiato la riflessione teorica sui fondamenti della metodologia storica. Per cinquant’anni – a partire dagli inizi degli anni Cinquanta del secolo scorso fino ai primi anni Duemila – le sue riflessioni hanno suscitato entusiasmi, discussioni, polemiche, accendendo dibattiti non solo tra gli specialisti del settore, ma anche, più in generale, nel mondo culturale impegnato nella definizione e nella comprensione della natura e dei problemi del mondo moderno. Ma,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.