closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Maternità surrogata, uno scambio ineguale

Diritti. È generosità nei casi di affetto, intimità, amicizia (la sorella, l’amica). Diverso il gesto della donna che mette il corpo gratuitamente a disposizione di sconosciuti

Nel dibattito sulla maternità surrogata c’è un grande assente. Si tratta dell’art. 3, secondo comma, della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, che stabilisce «il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro». In base a questa disposizione, contenuta in un documento che - ricordiamolo - ha oggi lo stesso valore giuridico dei Trattati, sono vietate nell’ambito dell’Unione non solo la vendita del rene o l’affitto dell’utero, ma anche la vendita di "prodotti" corporei come il sangue, gli ovuli, i gameti, che possono essere donati, ma non divenire merce di scambio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi