closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Nella storia, il regista sta sempre al governo

Trasformismo. «Un aspetto della funzione del dominio», «una forma di rivoluzione passiva». Così Gramsci analizzava il ricorrente cambio di casacca degli eletti

Suppongo che molti abbiano notato con qualche sorpresa l’ostentata indifferenza con cui in questi giorni la «grande stampa» ha registrato gli ultimi massicci episodi di trasformismo parlamentare, successivi al prudente cambio di casacca dei «responsabili» di Sel. Alludo alla confluenza nel partito del presidente del Consiglio di buona parte dei gruppi di Scelta Civica e al più o meno esplicito trasloco in maggioranza di parlamentari di Gal, di forzisti di rito verdiniano e di fuoriusciti del M5S. Il tutto a uso e consumo del governo Renzi, messo così in condizione di neutralizzare gli eventuali contraccolpi della rottura del patto del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.