closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nicoletta Manni fra principi e fanciulle

A teatro. Alexei Ratmansky firma alla Scala la coreografia del «Lago dei Cigni». Di grande effetto per disegno e colori scenografie e costumi di Jérome Kaplan

Nicoletta Manni al centro de Il lago dei cigni

Nicoletta Manni al centro de Il lago dei cigni

Fanciulle in bianco danzano sulle malinconiche rive di un lago di lacrime, un Principe cerca l’amore fuori dalla quotidiane regole di Palazzo, un inganno distrugge il sogno degli eroi lirici del racconto. Fascino imperituro de Il lago dei cigni che dal 2016 ha una nuova versione di riferimento: quella firmata al Teatro alla Scala, e nata in coproduzione con l’Opernahaus di Zurigo, da Alexei Ratmansky, coreografo residente dell’American Ballet Theatre di New York dal 2009, alle spalle la direzione del Bolshoi di Mosca. Come già per La Bella Addormentata nel bosco, Ratmansky anche per Il lago dei cigni riporta in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi