closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Non chiamiamolo golpe, è una resa

Romano Prodi e Pier Luigi Bersani

Da oggi l’Italia non è più una democrazia parlamentare. Non c’è altro modo di leggere il voto di ieri, se non come una resa. Come una clamorosa, esplicita, trasversale abdicazione del Parlamento. Per la seconda volta in poco più di un anno una composizione parlamentare maggioritaria si è messa attivamente in disparte. Ha dichiarato la propria impotenza, incompetenza e irrilevanza, offrendo il capo e il collo a un potere altro, chiamato a svolgere un ruolo di supplenza e, in prospettiva, di comando. E se la prima volta poteva apparire ancora “umana”, la seconda volta – con un nuovo Parlamento, dopo un voto popolare dal significato inconfutabile nella sua domanda di discontinuità – è senz’altro diabolica, per lo meno nei suoi effetti.

C’è, in quella triste processione di capi di partito col cappello in mano, in fila al Quirinale per implorare un Capo dello stato ormai scaduto di rimediare alla loro congiunta e collegiale incapacità di decisione, il segno di una malattia mortale della nostra democrazia. La conferma che, con una velocità crescente, la crisi di sistema è giunta a erodere lo stesso assetto costituzionale fino a renderlo irriconoscibile.

Forse non è, in senso tecnico, un colpo di stato. Possiamo chiamarlo come vogliamo: un mutamento della costituzione materiale. Una cronicizzazione dello stato d’eccezione. Una sospensione della forma di governo… Certo è che questo presidenzialismo di fatto, affidato ad un presidente fuori corso per un mandato tendenzialmente fulmineo, stravolge tutti gli equilibri di potere. Produce una lesione gravissima al principio di rappresentanza. Soprattutto fa scomparire la tradizionale forma di mediazione tra istituzioni e società che era incarnata dal Parlamento, tanto più se questo venisse occupato e bloccato da una maggioranza ibrida e bipartisan, contro-natura e contrapposta al volere della stragrande maggioranza degli elettori.

D’ora in poi – in un momento socialmente drammatico, in cui tutti i nodi vengono al pettine – Potere esecutivo e Piazza verranno a confrontarsi direttamente e frontalmente, senza diaframmi in mezzo, senza corpi intermedi per la banale ragione che il principale strumento di mediazione e di rappresentanza, il partito politico, si è estinto in diretta, travolto dalla propria incapacità di mediare non più, ormai, gli interessi e le domande di una società abbandonata da tempo, ma le proprie stesse tensioni interne, le contraddizioni tra le sue disarticolate componenti.

Di questo è morto il Partito democratico: della sua incapacità a contenere la spinta centrifuga dei propri interiori furori, degli odii covati per anni, delle idiosincrasie personali (rispetto a cui, diciamolo sinceramente, un voto per Rodotà avrebbe costituito uno straordinario antidoto e il segno di una possibilità di cura). Né si può dire che il Pdl sia mai esistito come partito, incentrato com’è sulla esclusiva figura del suo leader e sulla difesa dai guai giudiziari che questo si è procurato. Non basterà nessuna respirazione extracorporea, nessun accanimento terapeutico, nessun appuntamento tardivo o attesa di una figura salvifica per rimediare al rogo simbolico della residua capacità operativa del primo – del Pd e in generale del centro-sinistra – dopo questa ostentazione pubblica di dissennatezza e incapacità. Così come non sarà sufficiente una estemporanea cooptazione nei giochi di potere del secondo – del Pdl con relativi cespugli -, per assicurargli una qualche capacità di “controllo sociale”. Anzi, lo vedremo sempre più spesso soffiare sul fuoco.

Il rischio che la dinamica esasperata della crisi italiana, contenuta finora entro le sponde imprevedibilmente solide della dialettica elettorale, entri in una fase esplosiva e dirompente è terribilmente alto. E non si riduce proclamando coprifuoco tardivi. Né maldestri tentativi di abbassare la pressione con betabloccanti predicatori, ma con un surplus di partecipazione. Favorendo, con tutti i mezzi legali disponibili, una collettiva presa di parola capace di surrogare in basso il vuoto di senso generatosi in alto.

I commenti sono chiusi.