closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Nozze gay, Marino ci mette la firma

Ieri sposi. La trascrizione dei matrimoni contratti all’estero di 16 coppie omosex. È festa in Campidoglio. Ma Alfano non ci sta: «È solo un autografo, intervenga il prefetto»

La cerimonia di

La cerimonia di "trascrizione" ieri in Campidoglio

«Oggi ci sentiamo meno soli e meno clandestini, la nostra città ci ha riconosciuto per quello che siamo». Al di là dei vissuti e delle emozioni personali, è questa la convinzione delle 16 coppie omosessuali che ieri mattina in Campidoglio si sono viste trascrivere, direttamente dal sindaco, nel registro dello stato civile, il matrimonio che avevano celebrato all’estero in anni precedenti. Non si tratta ancora del registro delle unioni civili – la delibera che lo istituisce potrebbe arrivare nell’aula consiliare già nelle prossime settimane – ma, tecnicamente, di un’estensione dello stato di famiglia. Un atto simbolico quindi, che non ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi