closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Nusra e islamisti pronti all’offensiva prima dell’inverno

Siria. Il ramo siriano di al Qaeda e altre formazioni jihadiste impegnano i governativi di nuovo nella zona dei monti del Qalamoun. L'esercito di Damasco per ora respinge gli attacchi destinati ad intensificarsi prima dell'arrivo della stagione fredda. La crisi economica intanto morde. Il governo taglia i sussidi per il carburante destinato a fabbriche e aziende

Reparti governativi siriani in una foto scattata nei mesi scorsi nella regione montuosa del Qalamoun

Reparti governativi siriani in una foto scattata nei mesi scorsi nella regione montuosa del Qalamoun

Sfiduciato e poi richiamato, grazie alle pressioni del Qatar e dei Fratelli Musulmani, Ahmad Tumah, “primo ministro” del governo-fantasma dell’opposizione siriana, in un’intervista al quotidiano saudita al Sharq al Aswat, ha ostentato ottimismo. Ha affermato che entro quattro mesi il suo esecutivo sarà in grado di amministrare i “territori liberati” e annunciato che l’Esercito libero siriano (Els, la milizia della CN, Coalizione Nazionale dell’opposizione) presto formerà il primo nucleo di un futuro “Esercito nazionale siriano”. Quale sia il contributo sul campo di battaglia dell’Esl tuttavia nessuno può quantificarlo con certezza. A leggere le notizie che diffondono le fonti locali, anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi