closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Palmira, orrore senza fine

Siria. L’Isis decapita lo studioso che ha diretto per 50 anni l’area archeologica. Accusato di «apostasia», frequentazioni iraniane e complicità con il regime, Khaled As’ad, 82 anni, è stato brutalmente ucciso in piazza

L'archeologo Khaled As’ad

L'archeologo Khaled As’ad

L’hanno decapitato e poi hanno appeso il corpo a un palo della luce, nel centro di Tadmor. In alto, le mani legate. In basso, fra i piedi hanno posto la testa, il pegno alla crudeltà. Lui era lo studioso siriano Khaled As’ad e per mezzo secolo aveva diretto l’area archeologica e il museo di Palmira, la città cosmopolita, crocevia di carovane del deserto ma soprattutto di popoli e culture. Gli esecutori del delitto sono jihadisti dello Stato Islamico, che dal 23 maggio scorso occupano il sito, patrimonio Unesco fin dal 1980, tenendo col fiato sospeso il mondo intero. La morte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi