closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Pronti 900 milioni di tagli, scuola e ricerca nel panico

Spending Review. Allarme rosso tra studenti (in piazza il 10 ottobre) e sindacati. Pantaleo (Flc-Cgil): "Ora basta bugie dal governo, no ai tagli". Il Pd li smentisce ma nessuno ci crede. Pacifico (Anief): "Il governo vuole fare una partita di giro, e una riforma a costo zero". Ancora una volta, i più danneggiati saranno tutti i docenti

Con il fucile della spending review puntato dietro la schiena, il governo sta preparando una gigantesca partita di giro ai danni della scuola, dell'università e degli enti di ricerca. Nella prossima legge di stabilità ci potrebbero essere 900 milioni di euro in tagli complessivi per finanziare la prima tranche dei fondi necessari per assumere 148 mila precari dalle graduatorie ad esaurimento a settembre 2015. Ne serviranno, a regime, altri 2,7 miliardi, ma al momento l'esecutivo non sembra avere alcuna idea su dove, come e quando prenderli. Ma i tagli ci sono davvero? Le «indiscrezioni» pubblicate ieri da Il Sole 24...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi