closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Proteste contro The Donald: «Dureranno quattro anni»

Stati uniti. Le manifestazioni di ieri non saranno un episodio isolato, ma sono il segnale che non sarà una presidenza semplice quella di Trump che rischia, da qui in avanti, di ritrovarsi sempre metá nazione a ricordargli che non si ritiene rappresentata da lui e con la quale dovrà fare i conti

A meno di 24 ore dall’elezione di Trump come presidente, in più di venti città degli Stati uniti i cittadini sono scesi in piazza, numerosi, per manifestare la propria contrarietà e la propria preoccupazione. Migliaia di persone a Boston, Chicago, New York, Seattle, Oakland, Austin, Portland, Albuquerque, Los Angeles, si sono organizzate tramite un tam tam online e nel giro di poche ore sono arrivate nei luoghi di concentramento. La manifestazione più imponente, come prevedibile, è stata quella di New York dove, sotto la Trump Tower, si sono riuniti due eventi: un rally, vale a dire una specie di comizio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi