closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Rischio di chiusura per la biblioteca di Buenos Aires

BENI CULTURALI . Appello internazionale dopo il taglio dei fondi e i licenziamenti

Il furore neoliberista del governo argentino di Gustavo Macri non si ferma davanti a nulla. Nel mese scorso a farne le spese sono stati 240 impiegati della Biblioteca Nazionale a Buenos Aires (un quarto degli effettivi), licenziati sull’onda di una politica di tagli violenti al settore pubblico che ha già fatto migliaia di vittime. Se è vero che dal 2005 questa importante istituzione ha aumentato significativamente il suo personale, è anche vero che sotto la direzione di Horacio González ha incrementato in maniera sostanziale il numero dei lettori, realizzando progetti di informatizzazione e di ricatalogazione del suo patrimonio e progettando...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi