closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sam Esmail, «l’arma a doppio taglio della tecnologia»

Intervista. Parla l'autore della serie «The Robots», «Non si cambia il sistema solo odiandolo come un adolescente, ma la rabbia degli hacker può essere potente, dalle primavera arabe all'hack' che ha messo in ginocchio la Sony»

Sam Esmail, sotto una scena della serie

Sam Esmail, sotto una scena della serie

Serie «militante» The Robots, nel segno di Occupy come dice l’autore, Sam Esmail, ha ricevuto l’implicito imprimatur di account twitter vicini ad Anonymous. Niente male considerando che ad oggi riesce difficile pensare a trattamenti fiction della cultura internet che non siano parodistiche e paternalistiche versioni di «controcultura» vista dall’esterno. Dagli anni ’90 con The Net – intrappolata nella rete con Sandra Bullock ad Hackers, con Angelina Jolie e Anti Trust, al presente con 24, Quinto Potere col suo Assange da sceneggiato fino alla dolorosa recente incursione di Michael Mann palesemente spiazzato nel telefilmone barocco per i botteghini cinesi:Blackhat. Gli hacker...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi