closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Se la terra promessa è la Somalia

Yemen. Tra i rifugiati in fuga dal conflitto yemenita, vittime della tratta che dal Golfo di Aden li conduce verso il Corno d’Africa. Su rotte ignote anche alle navi militari saudite dispiegate nell’area

Una ragazza yemenita nel campo profughi di Markazi, Gibuti

Una ragazza yemenita nel campo profughi di Markazi, Gibuti

Vecchie navi da carico che fino allo scorso marzo trasportavano bestiame, ora almeno una volta a settimana, dopo 30 ore di navigazione, scaraventano debilitati rifugiati dallo Yemen in Somalia o a Gibuti. I mercantili partono dal porto yemenita di al-Mokha, a ovest della città di Taiz, dal porto di Hodeida, nell’omonimo governatorato, e dal porto di al-Mukalla, nella regione costiera di Hadhramaut. Seguono la tratta prestabilita nel golfo di Aden. All'ingresso del Mar Rosso, Bab al-Mandeb è il canale chiave di trasporto che separa l'Africa dalla penisola arabica. Largo solo 30 chilometri nel punto più stretto. Nello stretto ci sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi