closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Sempre «schiavi» delle agromafie

Dossier Amnesty. «Legge Rosarno»? Un fallimento. Lavoratori stranieri sfruttati, «due anni dopo». Vergogna internazionale. E nell'Agro Pontino ai braccianti indiani resta solo il doping

Davanti alla tendopoli di Rosarno per i braccianti stagionali

Davanti alla tendopoli di Rosarno per i braccianti stagionali

«Volevamo braccia e sono arrivati uomini» era il titolo del dossier presentato da Amnesty International nel 2012. Il "sistema" chiedeva manodopera da sfruttare al costo più basso possibile. Arrivavano invece esseri umani dotati di storie personali e dignità. Una cosa impensabile appena duecento anni fa, quando le navi negriere attraversavano l’Atlantico per trasportare schiavi dall’altra parte dell’oceano. Qualcosa di molto simile a quanto sta avvenendo nella nostra epoca tra una sponda e l’altra del Mediterraneo. Gli unici cambiamenti intervenuti nel frattempo sono stati il cabotaggio degli scafi, il fatto che i migranti non provengono più solo dall’Africa e la necessità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.