closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Stefano Cucchi, fu «omicidio preterintenzionale»

Giustizia. L’accusa formulata dalla procura di Roma nell’avviso di chiusura delle indagini sulla morte del geometra romano recapitato a tre carabinieri che lo arrestarono nell'ottobre 2009

La foto di Stefano Cucchi mostrata durante una conferenza stampa dei familiari

La foto di Stefano Cucchi mostrata durante una conferenza stampa dei familiari

Sette anni. Ci sono voluti più di sette anni, da quel 22 ottobre 2009 quando Stefano Cucchi morì nel reparto penitenziario dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, per sentire pronunciare dai rappresentanti dello Stato della Procura di Roma le parole «omicidio preterintenzionale». Per l’esattezza è l’ipotesi di reato formulata nell’atto di chiusura delle indagini preliminari che il sostituto procuratore Giovanni Musarò, titolare dell’inchiesta bis aperta nel settembre 2015 su espressa richiesta dei familiari della giovane vittima, ha recapitato ai carabinieri Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco, gli altri tre rappresentanti dello Stato che arrestarono Stefano Cucchi una settimana prima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi