closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Sharing economy: Uber, Airbnb e le 45 sorelle: «Ue ci tuteli dalle leggi degli Stati»

Sharing Economy. Lettera dei 47 colossi americani dell'economia collaborativa e della condivisione al presidente di turno della Ue, l'olandese Marl Rutte. Chiedono di essere tutelati dalle iniziative legislative dei paesi membri tese «a limitare il nostro sviluppo". Si sta per aprire la gigantesca partita comunitaria della «Digital Single Market Strategy». Ecco come il nuovo capitalismo si sta posizionando nella lunga e complessa trattativa

I quarantasette pilastri dell’economia collaborativa e della condivisione (sharing economy), Uber e Airbnb in testa, hanno preso carta e penna. Al presidente di turno dell’Unione Europea, il primo ministro olandese Mark Rutte, hanno inviato una lettera in cui chiedono di essere tutelati dalle iniziative legislative dei paesi membri tese «a limitare lo sviluppo dell’economia collaborativa a discapito degli europei». I «rappresentanti dell’economia industriale europea della collaborazione», così si firmano, chiedono di sostenere le loro imprese con le «leggi locali e nazionali» perché stanno «rimodellando l’intera catena del valore» (capitalistico». Si auto-definiscono «innovatori» che «sfidano i metodi acquisiti di produzione e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.