closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Un muro verde contro gli Hofer d’Europa

Ecologismo. È affidata a un ecologista, Alexander van der Bellen, la speranza di fermare la destra xenofoba in Austria. In Europa i verdi hanno un ruolo politico, in Italia sono inesistenti

Il candidato presidente dell'Austria Alexander van der Bellen

Il candidato presidente dell'Austria Alexander van der Bellen

Comprensibilmente le analisi e i giudizi sul primo turno delle elezioni presidenziali austriache di domenica scorsa si sono concentrati su un unico aspetto: la vittoria, del tutto inattesa per dimensioni, del candidato del partito di estrema destra Fpö Norbert Hofer, votato dal 36% degli elettori. Per la prima volta in Europa occidentale una forza dichiaratamente anti-europea, e con tratti inequivocabilmente xenofobi, vince un'elezione nazionale, per la prima volta si concreta la possibilità che un esponente della destra radicale diventi capo dello Stato in uno dei Paesi simbolo dell'Europa democratica. A rafforzare l'impatto anche psicologico di questo passaggio inedito vi è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi