closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Dal welfare state allo «Stato delle banche» in Italia: chi va in pensione prima perde fino al 20% dell’assegno

Debitocrazia. Simulazione della Uil sul sistema dell'anticipo pensionistico Ape presentato dal governo Renzi: un pensionato da 800 euro dovrà vivere con 641 euro per 20 anni. Chi ne ha mille dovrà ripagare un debito da 39 mila per godere di un diritto acquisito

Pensioni

Pensioni

L'Ape non è un'aperitivo ma l'anticipo pensionistico immaginato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini e sposato dal governo. La misura è poco conveniente per il lavoratore che intende ritirarsi dal lavoro tre anni prima dalla pensione di vecchiaia e dovrà stipulare un prestito con una banca, garantito dallo Stato e intermediato dall'Inps. Secondo una simulazione della Uil non bastano le assicurazioni del governo sulle detrazioni fiscali per i lavoratori che, a pochi anni dal traguardo, hanno perso il lavoro e usufruito di tutti gli ammortizzatori sociali. Chi deciderà di usufruire del pacchetto finanziario prospettato da Palazzo Chigi dovrà...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi