Davanti ai morti del terremoto nel giorno del lutto nazionale le massime cariche dello stato promettono alle comunità sconvolte «ascolto» e «ricostruzione». Cittadini e politica uniti per un giorno. Mattarella: «Non sarete soli». Le vittime salgono a 291 ma ad Amatrice sono ancora 15 i dispersi

Commenti

La terra trema, come noi

Sarantis Thanopulos

Il terremoto ci mostra come il terreno in cui poggia il nostro senso dell’esistenza può tremare per motivi estranei alla nostra volontà. È una metafora potente della nostra precarietà, caducità che può essere risolta nel senso della rassegnazione/consolazione o nel senso del lutto