I sindacati della scuola proclamano lo sciopero generale unitario per il 5 maggio contro la riforma di Renzi. Era dai tempi della Gelmini che non si arrivava ad una protesta così forte. Sotto accusa l’articolo 12 del ddl: chi ha lavorato 36 mesi sarà licenziato. «Per le 100mila assunzioni serve un decreto»

Editoriale

La parola alla scuola

Alba Sasso

Politica

Sinistra, un campo di forza

redazione politica

Sottoscrivi per il manifesto
Sfoglia il giornale