Non ha nome, non avrà terra: è l’immagine choc del piccolo profugo siriano trovato cadavere sulla spiaggia di Bodrum in Turchia, dopo l’ennesimo naufragio nel Mediterraneo. E mentre l’Unione europea si dissolve sulla chiusura delle frontiere, il governo della Repubblica Ceca identifica i migranti «marchiandoli» con dei numeri. A Budapest profughi ancora bloccati alla stazione

Commenti

Odissea gotica

Raffaele K. Salinari

Nel suo edi­to­riale di sabato 29 Norma Ran­geri invita ad una nuova resi­stenza con­tro l’assuefazione media­tica dalle morti dei migranti. […]