closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Hasta siempre presidente

Cuba. Un Obama disteso, malgrado la rabbia degli anticastristi, nella sua storica visita sull’isola della Revolución. Dopo un «franco» colloquio con Raúl Castro, i due leader hanno convenuto che permangono profonde differenze, ma vale la pena proseguire il dialogo

Barack Obama a colloquio con Raúl Castro

Barack Obama a colloquio con Raúl Castro

Ecco l’immagine dell’anno. Il presidente di origine afroamericana nella Plaza della Revolución, sullo sfondo, in due palazzi che circondano l’immensa spianata, i grandi ritratti del Che Guevara e di Camilo Cienfuegos, gli eroi della Rivoluzione guidata da Fidel Castro. Poco importa il clima grigio e una certa tensione che si avvertiva ieri mattina sia nel presidente americano sia nel vicepresidente Salvador Valdes Mesa, anche lui di discendenza africana, che ha accolto l’ospite. La valenza simbolica dell’immagine parlava da sola. Del rispetto e del riconoscimento ufficiale da parte del capo della Casa Bianca del governo socialista che di quella rivoluzione è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi