closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Il bluff del governo sui poveri: un sussidio per un milione su quattro

Welfare all'italiana. Dopo lo schiaffo al referendum del 4 dicembre, il governo Gentiloni ripesca il Ddl povertà vuole dimostrare di fare qualcosa di "sociale". E così rilancia il Ddl abbandonato da Renzi al Senato, una modesta proposta parziale per cui sono stati stanziati poco più di 1 miliardo. Ne servono altri sei

Stop povertà, una delle campagne di lotta contro l'esclusione sociale

Stop povertà, una delle campagne di lotta contro l'esclusione sociale

Dopo lo schiaffo al referendum del 4 dicembre, il governo Gentiloni ripesca il Ddl povertà per dimostrare di far qualcosa di "sociale". Intende riprendere un Ddl abbandonato da Renzi al Senato e, a suo tempo, acclamato come una «riforma storica». Facendo le veci del suo collega al Welfare Giuliano Poletti, ieri il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina ha annunciato un non meglio precisato «decreto d'urgenza» per sbloccare un provvedimento che stanzia poco meno di 1 miliardo e mezzo per un milione e 600 mila famiglie, 4,5 milioni di persone in povertà assoluta. Per il momento beneficeranno del sussidio 280 mila famiglie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi