closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La doppia morte di Emmanuel Namdi e la nostra vergogna

Fermo. Dimenticato dopo soli sei mesi l’uomo che morì per difendere sua moglie dagli insulti razzisti. La vedova ha dovuto lasciare il paese

Emmanuel e Chimiary Namdi

Emmanuel e Chimiary Namdi

Emmanuel Chidi Namdi è morto meno di sei mesi fa, eppure a Fermo sembra passato un secolo da quel 5 luglio, quando lui – nigeriano, 36 anni – non abbassò la testa dopo che il 39enne ultras della Fermana e simpatizzante di estrema destra Amedeo Mancini diede della scimmia a sua moglie. Quella frase – agli atti: «Africans scimmia» - è uscita così, d’istinto, mentre la coppia passeggiava per la strada che sale fino a piazza del Popolo. Emmanuel tornò indietro, ne nacque una rissa, lui batté la testa e morì in ospedale dopo diverse ore di coma. La provincia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi