closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

La vita è forma e si genera vivendo

Filosofia. Da vent’anni Giorgio Agamben ha esibito, e poi sciolto, le relazioni fondamentali dell’ontologia politica. Qui, dove vita e forma, zoè e bios, essere e modi d’essere sono tutt’uno, l’opera coincide con l’inoperosità

Chiudendo nel 2011 Altissima povertà (il volume IV, 1 della grande opera Homo sacer), Giorgio Agamben evidenziava la grandezza e i limiti della regola francescana: una forma di esistenza che situandosi fuori dal diritto, rifiutando la proprietà in nome dell’uso, definiva tuttavia l’uso ancora rispetto al diritto, in maniera unicamente negativa. Era infatti mancata al francescanesimo «una definizione dell’uso in se stesso», che veniva infine concepito dai suoi difensori come una serie di atti di rinuncia. Agamben si congedava dunque dal lettore lasciando aperta la duplice domanda: «Come potrebbe davvero un uso tradursi in un ethos e in una forma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.