closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le barbarie dell’Isis per frenare la controffensiva su Mosul

Iraq. Rapimenti, esecuzioni e gas: così lo Stato Islamico "difende" la sua roccaforte. Baghdad smentisce il Pentagono: nessun accordo con la Turchia. La Russia accusa gli Usa: bombardato un funerale

L'esercito iracheno alle porte di Mosul

L'esercito iracheno alle porte di Mosul

«Nel nostro villaggio, Kalidiya, a sud di Mosul, abbiamo assistito a scontri pesanti tra esercito iracheno e Isis. Ci sono stati molti morti, ci siamo salvati per un soffio». Amar Saad Nadimi ha 20 anni e da tre giorni si trova al campo profughi di Dabaqa, Kurdistan iracheno. Intervistato da Middle East Eye, racconta le divisioni che ruotano intorno alla controffensiva su Mosul: con alcuni amici voleva unirsi all’esercito governativo o ad una delle milizie impegnate nell’operazione sulla città. Ma Baghdad e Erbil non li vogliono: come gli altri sunniti arrivati qui, sono stati perquisiti e interrogati per verificare che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.