closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Messico, l’inferno della Foxconn

Lavoro. Le fabbriche di Ciudad Juarez

Messico, la caffetteria di Foxconn

Messico, la caffetteria di Foxconn

Ciudad Juarez dista quasi duemila chilometri dallo stato del Guerrero, dove il 26 settembre scorso sono scomparsi 43 studenti messicani. Ma qui la violenza messa in campo da bande armate e polizia non è certo da meno: dal 1993 a oggi sono state uccise circa quattromila donne. Ciudad Jaurez è una città di confine la cui struttura si è profondamente modificata dopo la firma, giusto vent’anni fa, del Trattato di Libero Scambio del Nord America (Nafta, per l’acronimo inglese). Si tratta di un confine diviso da un muro metallico che corre per centinaia di chilometri ma che rimane ambivalente e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi