closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Messico,proteste e morti per aumento della benzina

Privatizzazioni. Tre uccisi e oltre 600 arresti

Manifestazioni in Messico

Manifestazioni in Messico

re morti e oltre 600 detenuti, in Messico per le proteste contro l’aumento della benzina, deciso dal presidente neoliberista Enrique Peña Nieto. Cartelli e slogan sono tutti contro di lui, la cui popolarità è scesa ai minimi storici. A disapprovare la sua gestione e la politica economica, già prima della visita di Trump durante la campagna nordamericana e i fatti di questi giorni, è il 74% dei cittadini: il peggior gradimento ricevuto da un presidente messicano dal 1995. A differenza dei suoi omologhi progressisti dell’America latina, Nieto gode di ottima stampa, quando dichiara di «bere tutti i giorni Coca cola...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi