closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Nigeriane, cinesi e tre sorelle «italiane». Migranti sospese nel Cie di Ponte Galeria

Roma. Sono solo donne le recluse della struttura romana. Vittime di tratta o in cerca di lavoro

Fatta eccezione per il piantone che presidia l’ingresso devi superare tre sbarramenti prima di incontrare una persona. Una recinzione in ferro alta tre metri seguita, pochi passi dopo, da un’altra alta anch’essa tre metri. E poi una porta blindata che introduce in un lungo corridoio in fondo al quale ci sono altre sbarre, più basse ma disposte in modo tale da costruire tante gabbie, una allineata all’altra. Il ministro degli Interni Marco Minniti potrà anche rendere i Cie più umani, come ha detto di voler fare, ma finché in quello di Ponte Galeria ci saranno tante sbarre sarà difficile non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.