closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Ulisse, allucinato killer per conto della Storia

Narrativa. Il romanzo «Rosso nella notte bianca» di Stefano Valenti, in uscita il 31 marzo per Feltrinelli. Con una scrittura a nervi scoperti, l'autore segue il suo personaggio, ex partigiano, poi operaio comunista, ora uomo anziano, nel ritorno al paese natale, per compiere la vendetta

Viene dal passato il personaggio del romanzo Rosso nella notte bianca di Stefano Valenti (Feltrinelli, in uscita il 31 marzo, pp.128. euro 12), così come è un ritorno la lingua che muove la sua fisionomia, quella di una letteratura oggi considerata da molti massimalista e inattuale, viene dal ’900 italiano, arriva dai vinti del secolo scorso. Non a caso il suo nome è Ulisse, ha fatto il partigiano sulle montagne lombarde, poi per tanti anni l’operaio e il militante di base del Pci, devoto a Gesù Cristo e al comunismo, è matto e allucinato come la lingua che parla, la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi