closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Università, i precari non meritano la disoccupazione: “Sono studiosi qualificati”

Università. Il sottosegretario all'Istruzione Faraone prima nega il sussidio di disoccupazione Dis Coll a 60 mila ricercatori precari, poi dice che lo meritano solo gli assegnisti di ricerca. Scene di ordinaria schizofrenia nel paese che nega i diritti dei giovani, dei lavoratori indipendenti, di chi studia e fa ricerca

I precari dell'università sono "studiosi altamente qualificati" che non hanno bisogno di un sussidio di disoccupazione quando la loro borsa di studio finisce e attendono la successiva. Sempre che l'ateneo abbia i fondi sufficienti e non li faccia aspettare anni. Nell'attesa, potranno continuare ad approfondire le "attività di studio e di ricerca scientifica" gratis per il loro docente di riferimento. Questa è la posizione ufficiale del ministero dell'università (Miur) che, per bocca del sottosegretario Davide Faraone, ieri ha risposto a un'interrogazione presentata il 13 gennaio da Annalisa Pannarale (Sel) sull'estensione agli assegnisti di ricerca, ai dottorandi e ai titolari di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi